L'informazione comunitaria per la Lunigiana
Bando PIF Forestale 2018 PDF Stampa E-mail

Il GAL propone alle imprese impegnate nella filiera legno bosco energia di presentare un progetto sul bando PIF Forestale della Regione Toscana.

Convocata una riunione per martedì 5 giugno 2018  alle ore 17:00 presso la sede del GAL .


AVVISO

L’Azienda Agricola Giuseppe Tassi con sede in Loc. Cercò Fraz. Ricco’ n.25, 54012 Tresana (MS) - P.IVA 00635470453 C.F. TSSGPP67P26E463G, facendo seguito agli incontri intercorsi nelle precedenti settimane, sta predisponendo in qualità di capofila, un progetto da presentarsi ai sensi del bando Progetti integrati di Filiera Forestali P.I.F – Annualità 2017, sul PSR 2014 2020 Regione Toscana, approvato con Decreto n. 16969 del 17 novembre  2017, (BURT n° Parte Terza n. 48 - Supplemento n. 178 del 29 novembre 2017) e modificato con il decreto dirigenziale n. 4700 del 30 marzo 2018 riguardante la filiera forestale.

I Progetti integrati di filiera forestale sono uno strumento che aggrega tutti gli attori della filiera foresta-legno e prodotti secondari del bosco (produttori primari, imprese di utilizzazione forestale, imprese di trasformazione e commercializzazione, ecc., escluso la castagna, di seguito indicata come "Filiera forestale"), al fine di superare le principali criticità delle filiere stesse, per favorire i processi di riorganizzazione e consolidamento e per realizzare relazioni di mercato più equilibrate. I progetti integrati consentono, inoltre, di sostenere la redditività della filiera forestale e di incentivare l'innovazione di processo e di prodotto nonché la cooperazione tra i soggetti che ne fanno parte.

I PIF consentono l'attivazione, nell'ambito dello stesso progetto, di una molteplicità di sottomisure / tipi di operazioni del PSR finalizzate ad incentivare gli investimenti aziendali, l'innovazione tecnologica, la cooperazione.

Gli investimenti previsti nel PIF devono riferirsi ad almeno due tra le seguenti sottomisure/tipo di operazioni del PSR, di cui obbligatoriamente la sottomisura 8.6 e una delle sottomisure 16 sotto indicate:

  • sottomisura 1.2 "Sostegno ad attività dimostrative e azioni di informazione" (per ogni PIF è consentita la presentazione di una sola domanda di aiuto);
  • tipo di operazione 6.4.2 "Energia derivante da fonti rinnovabili nelle zone rurali";
  • sottomisura 8.5 "Investimenti diretti ad accrescere la resilienza e il pregio ambientale degli ecosistemi forestali" (limitatamente al finanziamento dei soli piani di gestione o equivalenti, come da scheda di misura del PSR);
  • sottomisura 8.6 "Sostegno agli investimenti in tecnologie silvicole e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti delle foreste";
  • sottomisura 16.3 "Cooperazione tra piccoli operatori per organizzare processi di lavoro in comune e condividere impianti e risorse" (per ogni PIF è consentita la presentazione di una sola domanda di aiuto);
  • sottomisura 16.6 "Sostegno alla cooperazione di filiera per l'approvvigionamento sostenibile di biomasse da utilizzare nella produzione di alimenti e di energia e nei processi industriali" (per ogni PIF è consentita la presentazione di una sola domanda di aiuto);
  • sottomisura 16.8 "Sostegno alla stesura di piani di gestione forestale o di strumenti equivalenti" (per ogni PIF è consentita la presentazione di una sola domanda di aiuto).

Inoltre, si devono tener presenti le seguenti ulteriori prescrizioni:

a) nel caso di attivazione della sottomisura 16.6 al fine di finanziare un piano di approvvigionamento della biomassa, questa deve provenire almeno per il 51% dai partecipanti (diretti o indiretti) al PIF;

b) se è attivato il tipo di operazione 6.4.2 per la produzione di energia da biomasse forestali, è obbligatorio attivare anche la sottomisura 16.6 o la sottomisura 16.8.

Gli obiettivi del PIF sono riconducibili ad:

  • Creare un punto di stoccaggio e di approvvigionamento della filiera forestale al fine di avviare le attività di trasformazione legale principalmente alla paleria da lavoro e per ingegneria naturalistica, produzione di cippato, legna da ardere;
  • Diffondere ed incentivare la meccanizzazione nella filiera forestale di produzione al fine di favorire l’incremento produttivo e maggiore competitività del settore;
  • Certificare di qualità sulla provenienza di prodotto e valorizzazione di una risorse autoctona;
  • Favorire il consolidamento di buone pratiche di sostenibilità ambientale;
  • Creare un mercato in grado di alimentare gli impianti di teleriscaldamento e cogenerazione esistenti sul territorio.

Attraverso il raggiungimento di questi obiettivi il capofila intende superare le criticità individuate nel progetto PIF.
I vantaggi per le imprese aderenti al PIF sono riferibili alla possibilità di aderire ad un accordo di filiera.

Oltre a ciò i partecipanti al progetto PIF potranno richiedere contributi in conto capitale variabili tra il 40% e il 100% per gli investimenti che verranno inseriti in progetto.

I soggetti interessanti dovranno far pervenire al soggetto capofila la propria adesione al progetto, indicando le modalità di coinvolgimento nella filiera, l’investimento proposto e la spesa prevista, al seguente indirizzo mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. oppure fax 0187408046.

Tutti i soggetti interessati sono invitati a partecipare alla riunione plenaria convocata per il giorno Martedì 5 giugno 2018  alle ore 17:00 presso la sede del GAL Consorzio Lunigiana ad Aulla (MS) in via Gandhi n. 8 .

 
Al via il bando della Misura 7.5 PDF Stampa E-mail

Si comunica che è stato emesso il bando attuativo della sottomisura 7.5 "Sostegno a investimenti di fruizione pubblica in infrastrutture ricreative, informazioni turistiche e infrastrutture turistiche su piccola scala - Infrastrutture ricreative pubbliche, centri di informazione turistica e infrastrutture turistiche di piccola scala.” rivolto ai Comuni, Unione dei Comuni, Enti Parco e CCIAA.

 

I soggetti richiedenti possono presentare domanda a partire dal giorno 02/05/2018 alle ore 13:00 DEL 02/07/2018.

IL bando sarà pubblicato sul BURT n. 18 - Parte III in uscita il 02/05/2018


Testo del bando

 
Pubblicato il bando della misura 3.2 PDF Stampa E-mail

Si comunica che è stato emesso il bando attuativo della sottomisura 3.2 “sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno”


I soggetti richiedenti possono presentare domanda a partire dal giorno 24/01/2018 alle ore 13:00 DEL 26/03/2018.

IL bando è stato pubblicato sul BURT n. 4 del 24/01/2018 - Parte III


Testo del bando

 
Proroga scadenza Misura 3.2 PDF Stampa E-mail

Si comunica che il CdA del GAL  Consorzio Lunigiana nella seduta n°2 del 23/03/2018  ha approvato la proroga della scadenza dei termini per la presentazione delle domande di aiuto dal  26/03/2018 ore 13:00  al 30/04/2018  ore 13:00 in relazione al bando attuativo della sottomisura 3.2  “sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno” -

 
Istruzioni Albo Fornitori PDF Stampa E-mail

Avviso per la costituzione di un albo fornitori

Qui si può trovare la normativa relativa ad incarichi esterni e lavori di fornitura, installazione e servizi, per coloro che fossero interessati a far parte dell'albo fornitori del Gal Consorzio Lunigiana o semplicemente ne vogliano essere a conoscenza.

Per i primi sono presenti le modalità attraverso le quali si può essere inseriti nell'albo fornitori e per ulteriori chiarimenti o approfondimenti la struttura del Gal è a disposizione.

Modulistica

Regolamento interno del GAL

 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2

Chi è online

 15 visitatori online